Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sollicciano’

Firenze, 11/08/2016: Sabato 13 agosto una delegazione dell’Associazione per l’iniziativa radicale “Andrea Tamburi” accompagnata dal cappellano di Sollicciano, Don Vincenzo Russo, si recherà in visita all’ istituto penitenziario di Sollicciano per raccogliere le firme sulla petizione promossa dalla stessa associazione per intitolare piazza Madonna della Neve (nel complesso delle Murate) a Marco Pannella e per verificare lo stato dell’istituto penitenziario.
E’ prevista, alla conclusione della visita, una conferenza stampa. Luogo e orario saranno comunicati in un successivo comunicato.
178903_4809825325086_1340553599_n

Read Full Post »

SIX1103

Read Full Post »

Questa mattina, i radicali dell’associazione Andrea Tamburi di Firenze, hanno manifestato di fronte al carcere di Sollicciano per denunciare le gravi carenze strutturali dell’edificio e chiederne la chiusura immediata.

Se un ospedale fosse ridotto così male da temere per la salute e l’incolumità dei malati e degli operatori cosa faremmo? Ne chiederemmo la chiusura immediata e il trasferimento di degenti e personale in una struttura adeguata. Similmente ci comporteremmo se ad essere pericolosi fossero un plesso scolastico o un qualsiasi edificio pubblico. Comportamenti differenti ci apparirebbero strani, addirittura scandalosi. Perché dunque si esita se l’edificio in questione è un carcere? Nel caso del carcere di Sollicciano non ci sono alternative ragionevoli alla chiusura. I detenuti e il corpo di polizia penitenziaria sono invece costretti a convivere con troppi, e troppo gravi, malanni dell’istituto. Danni strutturali, infiltrazioni di umidità, ricorrenti infestazioni di topi e piccioni, gelo in inverno con il riscaldamento che si blocca per settimane e caldo torrido in estate senza possibilità di ventilazione o riparo, assenza di acqua calda sanitaria, cucine fortemente sottodimensionate, carenze igienico-sanitarie per dir solo le cose più gravi. Ecco, questa è la situazione all’interno della quale si svolge l’esecuzione di pena a Sollicciano. Una pena nella pena, che rallenta il già difficile percorso di riabilitazione e reinserimento sociale del detenuto e lede diritti fondamentali di detenuti e lavoratori, come quello costituzionale alla salute.

A questa situazione diciamo basta. Il carcere di Sollicciano è in condizioni tali da prospettarne solo la chiusura e la conseguente dismissione. E’ un complesso di edifici non riparabili, uno dei peggiori in Italia. Un vero assurdo penale.

Chiudere Sollicciano non significa però trasferire i detenuti in altri istituti di pena. Significa, all’opposto, avere il coraggio necessario per applicare le leggi che regolano i procedimenti di decarcerizzazione. Significa investire nella magistratura di Sorveglianza, nell’esecuzione penale esterna e nelle misure alternative all’esecuzione intramuraria. Significa avere a cuore la dignità delle persone, e tutelare i loro diritti inviolabili. Significa investire nella rieducazione e nella riabilitazione sociale. Significa, in altre parole, vivere in un paese civile che rispetta le leggi che si è dato.

12697270_10208132148403014_5878495892802769985_o

Read Full Post »

Sabato 6 febbraio, a partire dalle ore 11, si terrà una manifestazione per chiedere la chiusura di una delle strutture penitenziarie peggiori d’Europa: Sollicciano.
 
Il carcere fiorentino sopravvive in una drammatica quotidianità: emergenza vitto, emergenza igienico-sanitaria, riscaldamento assente, strutture murarie fatiscenti impregnate di umidità e tutte le altre irregolarità che denunciamo da anni.
 
Cercare di risolvere qualcuno di questi problemi con provvedimenti tampone equivale a curare una cancrena con i pannicelli caldi. 
 
Il carcere di Sollcciano va immediatamente chiuso e dismesso: questo non vuol dire che i detenuti debbano essere trasferiti in altre strutture penitenziarie aggravando così  il problema strutturale del sovraffollamento. Chiediamo piuttosto che si presti attenzione a un veloce processo di decarcerizzazione, coinvolgendo la magistratura di Sorveglianza e rafforzando l’UEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna).
Appuntamento, quindi, per sabato 6 febbraio alle ore 11 davanti al carcere di Sollicciano (via Minervini -Firenze).
178903_4809825325086_1340553599_n

Read Full Post »

Dichiarazione di Massimo Lensi e Maurizio Buzzegoli, presidente e segretario dell’associazione radicale “Andrea Tamburi” di Firenze.

Torniamo a ripeterlo: il carcere di Sollicciano va chiuso. L’emergenza freddo di questi giorni è solo una delle tante “emergenze” dell’istituto penitenziario fiorentino. Ad agosto, insieme al cappellano, denunciammo l’emergenza caldo: celle trasformate in veri e propri forni. Ma potremmo anche aggiungere: emergenza vitto, emergenza sanitaria, tubi che si rompono, strutture murarie impregnate di umidità. Una storia infinita. Mettere mano solo a qualcuno di questi problemi con provvedimenti tampone equivale a curare una cancrena con i pannicelli caldi.

Il carcere di Sollcciano va immediatamente chiuso e dismesso. E’ su questa proposta che andrebbe aperto un dibattito serio tra le forze politiche, le istituzioni e le associazioni, dando vita a un coincidente processo di decarcerizzazione attraverso l’affidamento esterno in esecuzione di pena.

Finalmente un ministro di Giustizia ha ammesso che le carceri sono criminogene. Lo Stato, in altre parole, viola le sue stesse norme, obbligando i rei a un percorso verso le recidive e non di riabilitazione. I trattamenti inumani e degradanti cui sono sottoposti i detenuti nelle carceri italiane sono stati sanzionati più volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo.

E allora cosa aspettiamo? I pannelli solari da mettere sui tetti come proposto dalla Regione Toscana? O che la ditta di manutenzione riesca nell’ardita impresa di far funzionare il sistema di riscaldamento per qualche settimana?

La nostra proposta non è una provocazione. Tutt’altro; ciò che la anima è la tutela dei sistemi di garanzia dello Stato di Diritto, per tutti, istituzioni in primis, contro l’aberrazione delle continue emergenze della ragion di stato.

178903_4809825325086_1340553599_n

 

Read Full Post »

020103

Read Full Post »

SIX1060SIX1090

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »